L’ottimizzazione degli investimenti nell’industria energetica

3227
3227

Roberto Carriero – Elio Cattaneo – Angelo Mongioj

Le industrie energetiche, essendo capital intensive, sono caratterizzate dalla predominanza del fattore capitale rispetto al fattore lavoro e pertanto presentano un’elevata variabilità dei risultati. Infatti, l’andamento dei profitti è influenzato dall’incertezza dei ricavi – fluttuazioni dei prezzi di mercato e variazioni nei volumi venduti – a fronte di elevati costi fissi. Ciò implica che gli investimenti in questo settore siano caratterizzati da un elevato grado di rischio e pertanto una loro corretta pianificazione è indispensabile. Tuttavia, l’evidenza ha messo in luce che molte imprese energetiche gestiscono i loro investimenti in modo sincrono con la congiuntura economica piuttosto che seguendo una strategia di lungo termine.

Pertanto, può accadere che una riduzione degli investimenti in capacità produttiva, derivante da un periodo di crisi economica, renda impreparate le imprese di fronte a una nuova ripresa dell’economia. Per far fronte a questo problema, l’obiettivo è stato quello di implementare un modello di programmazione matematica per l’ottimizzazione multiperiodo degli investimenti.

In this article